Lotta ai veicoli abbandonati, avviato il piano di rimozione di 80 carcasse

7 Agosto 2019

Il Comune di Sant’Antioco si oppone al fenomeno dei veicoli abbandonati e avvia un piano che ne prevede il prelievo, la custodia e, nell’ipotesi in cui non vengano reclamati entro i termini previsti, l’eventuale radiazione e demolizione, cui si aggiunge, in tal caso, la sanzione di 1.666,67 euro. Oggi, mercoledì 7 agosto, il programma ha avuto inizio con il ritiro delle prime due automobili. «Non possiamo continuare a tollerare questo atteggiamento di menefreghismo e di disprezzo delle regole – commenta il sindaco Ignazio Locci – che negli anni ha prodotto, nel territorio comunale, circa 80 automobili in stato di abbandono. Auto che, oltre a rappresentare uno sberleffo alla legge e al decoro urbano, spesso diventano luoghi dove gli incivili danno il meglio di sé e lasciano ulteriore spazzatura, contribuendo alla creazione di vere e proprie discariche abusive. Abbiamo dunque deciso di usare la linea dura. Auspichiamo, tuttavia, che i legittimi proprietari dei veicoli provvedano da sé alla rimozione e all’eventuale demolizione, evitando di incorrere nella sanzione di 1.666,00 euro».

La procedura, nel dettaglio, prevede che, contestualmente alla redazione del verbale di constatazione da parte della Polizia Municipale, il veicolo venga prelevato e affidato al centro di raccolta convenzionato con il Comune di Sant’Antioco, al fine di custodirlo fino alla conclusione dell’iter amministrativo. Il verbale verrà notificato al proprietario dell’automobile che, entro 60 giorni, dovrà provvedere a reclamarne la proprietà, contestualmente al pagamento delle spese di rimozione e deposito. Diversamente, il veicolo verrà considerato “cosa abbandonata” e rifiuto. A quel punto il Comune procederà alla demolizione con addebito al proprietario di tutte le spese sostenute, nonché all’irrogazione di una sanzione per l’omesso conferimento del veicolo di 1.666,67 euro. «È evidente – conclude il sindaco Ignazio Locci – che risulta molto più conveniente provvedere da sé alla rimozione dell’auto, piuttosto che lasciare l’onere al Comune: noi, comunque, non siamo disposti ad accettare passivamente questo atteggiamento. Percorreremo, dunque, tutte le strade affinché a pagare siano i legittimi proprietari delle auto abbandonate, e non i contribuenti».

Area tematica: